Google Custom Search
Attrazioni

San Valentino In Abruzzo

Nei dintorni le grotte Li Callarelli e del Riparo con pitture preistoriche

Se in epoca imperiale vi sorgevano, come testimonia il ritrovamento di lapidi e reperti archeologici, alcune ville dipendenti dalla consolare romana, furono i monaci dell’abbazia di S. Clemente a Casàuria a farne un centro fortificato tra la montagna della Maiella e il mare, funzione che continuo a mantenere anche quando fu acquistato da Margherita d’Asburgo e, a fine ‘500, dai Farnese. A quella famiglia è intitolato un bel palazzo signorile, dalle originarie forme medievali.

Il paese, tuttora a economia agricola, fu reso florido dall’allevamento dei bachi da seta, e il tenore di vita doveva essere più che accettabile se nel XVII secolo l’Università di Castel della Pietra (così allora si chiamava l’abitato) era retta da un camerlengo, quattro massari e un consiglio di dodici, e se vi vivevano anche tre notai e un dottore in legge.
A quel periodo risale la bella Parrocchiale, la cui facciata esterna con scalinata e due insoliti campanili gemelli, fu realizzata da Luigi Vanvitelli.

A ovest del paese sono alcune interessanti grotte, tra cui quelle de Li Callarelli e del Riparo in cui sono state rinvenute pitture preistoriche.
Per quanto riguarda la cultura popolare, qui si conserva una curiosa e divertente tradizione.

L’11 novembre (festa di S. Martino), i giovani e tutti i buontemponi inscenano una strana processione di simboli fallici e grandi corna animalesche. Il corteo, vivacizzato da abbondanti e frequenti bevute di vino novello, si ferma sotto le finestre dei novelli sposi, degli scapoli attempati, dei vedovi e, con un rumoroso accompagnamento dei più disparati e imprevedibili strumenti, intona canti lubrici inneggianti alle qualità amorose e sessuali dei soggetti sfortunatamente presi di mira.
Solitamente nessuno si offende tanto che la festa si conclude con un’abbuffata gastronomica trionfo della carne di maiale, cucinata in tutti i modi (la porchetta è la vera specialità della zona).

da www.provincia.pescara.it

Tags