Google Custom Search
Natura e ambiente

Provincia Di Pescara – L’ambiente

Dal litorale adriatico alle vette dei massicci centroappenninici

La provincia di Pescara, estesa per 1.225 Kmq, si allunga, a forma di cuneo, dal litorale adriatico alle vette dei massicci centroappenninici, riassumendo nella sua morfologia i motivi dominanti di tutto l’Abruzzo. Sul piano geomorfologico e geolitologico si distinguono due zone: l’esterna, costiero-collinare, in cui dominano i dossi argillosi degradanti verso il mare, le pianure alluvionali e gli arenili; l’interna, montana, costituita dai massicci appenninici di natura carbonatica.

Il sistema orografico appenninico, appartenente alla serie carbonatica mesozoica-cenozoica, comprende il versante nord-orientale del Morrone, il settore nord-occidentale della Majella, inciso da profonde valli e spettacolari canyons, e le estreme propaggini sud-orientali del Gran Sasso d’Italia. Dai tormentati rilievi calcarei si passa, in modo brusco, ai dolci dossi collinari del Subappennino, dove il paesaggio è caratterizzato da fenomeni di erosione accelerata, come gli imponenti calanchi. Il Subappennino interno è formato dalla coltre molassica miocenica in
cui prevalgono le arenarie con marne sabbiose e sabbie argillose; quello esterno, prossimo al mare, è dominato dalle argille plioceniche, sormontate qua e là da placche di conglomerati e banchi di sabbie.

Per quanto riguarda l’idrografia, i sistemi fluviali della provincia sono tre: quello del torrente Piomba, che appartiene alla categoria dei torrenti subappenninici con regime molto irregolare e scarse portate; quello del Tavo-Fino-Saline, che fa parte dei fiumi preappenninici, con origine però da sorgenti di pertinenza dei calcari dell’arco esterno appenninico; infine, il sistema del Pescara che fa parte dei fiumi appenninici, alimentati da sorgenti carsiche che sgorgano alla base dei massicci interni, con un regime, quindi, più regolare e con portate maggiori. L’area sorgentifera più importante è Capo Pescara, nei pressi di Popoli, ad una quota di circa 250 m, formata da una cinquantina di scaturigini alimentate dai bacini posti tra l’Aterno ed il Gran Sasso.

www.provincia.pescara.it

Tags